Com’è nata?

Iniziò tutto, un inverno di tanti anni fa, durante una passeggiata a Firenze di una comune ragazza con suo padre, Farida e Marco. La ragazza, vide una giovane poco vestita che se ne stava a terra infreddolita e, mossa da fratellanza cristiana, si tolse il maglione e lo donò a lei. Mettendosi a parlare insieme, scoprirono una realtà allora poco conosciuta: la realtà delle persone che vivono in strada.

Da allora, Farida, Marco e altre persone appartenenti alla Parrocchia di San Lorenzo, in primis l’allora parroco Don Aroldo, si sono organizzate per dare a queste persone un piccolo aiuto, un pasto caldo, da bere e un sorriso, perciò tutti i mercoledì con il pulmino parrocchiale, vanno alla stazione dove loro li aspettano.

Un mercoledì, durante un’emergenza freddo, mentre i volontari erano a parlare con gli amici in strada, si avvicinò a loro il direttore della Caritas fiorentina, e con l’azione della Provvidenza, li offrì il suo aiuto per ottenere i viveri alimentari. Così iniziarono a donarli anche alle famiglie bisognose della parrocchia.

 

Quali attività svolge?

Il mercoledì sera non può mancare l’appuntamento con gli amici di strada, che attendono con gioia e speranza un pasto caldo e un sorriso.

Ogni 2°venerdì del mese e la 5°domenica dell’anno, i volontari della Caritas parrocchiale si ritrovano insieme alla sede di via Baracca, a Firenze, per servire il pranzo a circa 400 persone bisognose.

I volontari si riuniscono durante la settimana per fare i pacchi dei viveri da donare alle famiglie bisognose della parrocchia, tenendo conto delle necessità di ognuna.

I viveri, recuperati anche grazie al Banco Alimentare, vengono raccolti da alcune persone, che offrono il loro tempo per girare tra alcuni supermercati che generosamente donano i cibi prossimi alla scadenza.

Da circa 15 anni, il 6 gennaio, viene organizzato un pranzo presso la parrocchia (negli ultimi anni, all’interno dell’Oratorio Don Bosco) a circa 200/250 amici di strada, per creare con loro un clima festoso e per far loro sentire la vicinanza e l’affetto della nostra comunità.

 

Io, in cosa posso essere d’aiuto?

Per fare tutto questo ancora meglio, abbiamo bisogno di persone per alcune attività come il servizio pasti il secondo venerdì del mese, la distribuzione dei viveri il giovedì, la raccolta viveri in scadenza...

Per riuscire a proseguire queste opere di carità c’è bisogno dell’aiuto di tutti, c’è bisogno del TUO AIUTO!

Per donare qualche ora del tuo tempo ai poveri e ai più bisognosi, mettiti in contatto con il parroco Don Ivo.

 

fShare
0